Il silenzio sugli innocenti

Gabriele Dini, Il silenzio sugli innocenti – Handicap, mondo greco-romano e rivoluzione cristiana, Ed. Pazzini, Rimini 2012

I romani praticano l’uccisione dei neonati deformi, ritenendo normali aborto, infanticidio e contraccezione nei casi stabiliti dal capofamiglia. La cultura ebraico e giudeo-ellenistica non esita a considerare la disabilità e chi ne soffre elementi impuri la cui “impurità” è eliminata soltanto dall’azione misericordiosa di Jahweh o in un quadro escatologico, la rivoluzione cristiana rende importanti malati e infermi agli occhi di Dio attraverso l’azione risanatrice di Gesù Cristo: così lebbrosi, sordi, storpi, ciechi e zoppi, un tempo “ultimi” divengono adesso “primi” nel progetto divino. Con il progressivo diffondersi del cristianesimo sono poi costruite strutture assistenziali simili ai nostri ospedali, che a poco a poco sostituiscono i santuari di Asclepio ai valetudinaria romani.

di Gabriele Dini

Scarica la scheda del libro in formato pdf